STORIA DEL SITO
La Home Page della release 3.01 Nella seconda metà del 2002 decisi di realizzare il sito Danny Design. Avevo due esigenze primarie: innanzitutto volevo raccogliere in modo ordinato e definitivo tutti gli articoli e i disegni realizzati nel decennio precedente con lo pseudonimo Danny Irreparabili; in secondo luogo desideravo realizzare un portfolio virtuale che sostituisse la vecchia cartellina in pelle marrone che mi accompagnava da anni nei miei colloqui di lavoro. Avevo già realizzato alcuni siti, e mi sentivo pronto per affrontare l'impresa: dopo aver analizzato diverse soluzioni per la struttura, decisi di utilizzare i Frames, perché sapevo che le pagine sarebbero state centinaia e un menu di navigazione fisso mi avrebbe aiutato non poco.
Un'altra opzione possibile era quella dell'interfaccia a console, con una struttura fissa non scrollabile e i contenuti inseriti in un Iframe; abbandonai subito questa soluzione, ma l'aspetto estetico mi sembrava accattivante e lo conservai per la sola Home Page. Nell'immagine in alto a sinistra (Clicca qui per ingrandirla) è visibile l'ultimo sviluppo, relativo alla release 3.01
Con la release 4.01 ho dovuto cestinare la mia amata Home Page: per quanto mi piacesse ancora molto, la mancanza di testi non ne permetteva un'adeguata indicizzazione da parte dei motori di ricerca, che come sappiamo danno un grande peso ai contenuti effettivi delle pagine.

Release 1.01
Dopo centinaia di ore di lavoro, la maggior parte delle quali dedicate alla scansione delle vignette di Danny Irreparabili e alla riscrittura di tutti i relativi testi, il sito fece il suo esordio sul web nei primi giorni del 2003. La prima versione lasciava un po' a desiderare dal punto di vista tecnico: niente CSS, niente Flash e una discreta quantità di codice inutile generato da FrontPage. Erano comunque già presenti quasi tutte le sezioni oggi visibili, compresa l'area Risorse.

Release 1.02
La prima serie di interventi riguardò la soluzione del grande problema dei Frames: le singole pagine, richiamate da un motore di ricerca o da un qualsiasi link esterno, si aprivano orfane, ovvero prive delle barre di navigazione laterale e superiore. Aggiunsi quindi una routine Javascript che, intercettando il tentativo di apertura della pagina, ricostruiva al volo il Frameset intorno ad essa. Devo dire che, a dispetto della cattiva reputazione dei Frames, dopo questo intervento non ho più avuto problemi di nessun tipo, né di visualizzazione, né di indicizzazione.

Release 2.01
Facendo esperienza nel campo del Web Design cominciai poi ad essere insoddisfatto della qualità del codice HTML: se agli esordi lasciavo fare tutto a FrontPage, col tempo mi resi conto di quanto fosse più divertente e produttivo scrivere il codice manualmente, con semplici applicazioni come Notepad e Wordpad.
Una pagina della release 2.01 Accantonai i programmi visuali e cominciai a ripulire le mie pagine, rimuovendo sistematicamente centinaia di righe di codice superfluo e ottimizzando il tutto con l'introduzione dei CSS e dei JS esterni. Un lavoro enorme, che però mi permise di avere un sito molto più semplice da gestire e modificare. In questa versione intervenni anche sulla suddivisione delle sezioni, creando una nuova area dedicata ai Links, prima classificati come amici nella macrosezione Chi sono, e alle News, prima del tutto assenti.

Release 3.01
Fatto il lavoro grosso con la versione 2.01, si trattava ora di passare ai ritocchi di fino; dopo avere preso dimestichezza con Flash inserii il logo animato tuttora visibile in alto a sinistra, e un'altra animazione in Home Page per attirare l'attenzione sull'area Danny Irreparabili, vero fulcro e anima del sito. Ripassai in seguito tutte le pagine per eliminare i caratteri accentati, le virgolette e i caratteri speciali, sostituendoli con le rispettive entità. Ottimizzai inoltre la gestione delle finestre Popup, affidandone l'esecuzione a un JS comune.

Release 4.01
Dopo un periodo di relativa stabilità tecnica, il sito cominciò a non soddisfarmi più dal punto di vista estetico: quando mi capitava di vederlo su monitor ad alta risoluzione (1280 x 1024 o, peggio ancora, 1600 x 1200) restavo deluso da come si presentava, appoggiato com'era al lato sinistro del browser e con una risoluzione ottimale ormai obsoleta. Era il momento di mandare i Frames in pensione, di adottare un'impaginazione centrata e di incrementare la risoluzione base a 1024 pixel.

Volevo però mantenere la grande comodità dei Frames, ovvero la possibilità di modificare i menu senza dover intervenire in tutte le pagine; per ottenere questo le alternative erano almeno quattro:
1) Ricostruire tutto il sito in PHP e utilizzare gli Includes.
2) Inserire le parti comuni in Iframes.
3) Creare una struttura fissa con i contenuti in un Iframe.
4) Alla fine optai per quella che reputo una soluzione estremamente pratica ed elegante: i menu sono compilati da un JS esterno richiamato dalla pagina visualizzata in quel momento; con una serie di espressioni condizionali if/else riuscii anche a coronare un sogno che inseguivo da tempo, ovvero mostrare accesi i links relativi alla pagina, sia il pulsante di macrosezione nella pulsantiera di sinistra che il collegamento testuale di sottosezione nella testata.
Una pagina della release 4.01 Presi lo spunto per questa soluzione tecnica analizzando uno dei sistemi necessari per aggirare il fastidioso bug introdotto da Explorer nel 2006, che faceva comparire un tratteggio intorno ai filmati Flash con il messaggio "Fare clic per attivare il controllo e utilizzarlo". Uno dei fix (non l'unico) consisteva nello spostare tutto il codice object/embed del filmato in un JS esterno, preceduto da una istanza document.write e richiamato in seguito nell'html della pagina. Il sistema funzionava alla perfezione, per quanto un po' laborioso, e provai ad applicarlo anche ad altre porzioni della pagina.
Con lo stesso criterio inserii anche un Footer comune, che prima non c'era, la barra di navigazione delle pagine comprese nella sezione Danny Irreparabili e il sommario della stessa sezione. Un altro vantaggio derivante da questa nuova struttura è la possibilità di utilizzare per intero la colonna sinistra: avrei potuto farlo anche prima, quando la colonna era contenuta in un Frame, ma la barra di scorrimento non mi piaceva affatto e preferii lasciare visibili solo i pulsanti di navigazione.

Ti sarò grato se vorrai segnalarmi errori o malfunzionamenti del sito. Inviami una mail indicando il problema, e provvederò al più presto alla correzione. Se vuoi, scrivimi anche solo per dirmi cosa ne pensi del sito Danny Design, del suo aspetto estetico e delle soluzioni tecniche adottate.